Le tenute

Le tenute si trovano nella zona del Fermano, nel comune di Montegranaro e dintorni, un territorio prevalentemente collinare.
Il grano che ha dato nome alla località, assieme a granturco, alberi da frutto e altri seminativi, forma lo zoccolo duro dell'agricoltura locale. In realtà però i suoli calcareo-argillosi e i declivi accentuati, assolati, rinfrescati da brezze marine e frescura notturna si prestano egregiamente alla viticoltura.

I vigneti di Rio Maggio, tutti di proprietà, godono di una posizione invidiabile e con un microclima estremamente favorevole grazie alla vicinanza dal mare, soltanto 15 km.
Nel 1990 sono stati impiantati dei vitigni internazionali come Pinot Noir, Sauvignon e Chardonnay, vinificati in purezza dal 1997, quando Simone e sua moglie Tiziana hanno preso le redini dell'azienda.
Le vigne di Rosso Piceno e Falerio, che danno origine alle DOC, sono espoolste a sud-est, le altre uve di vitigni internazionali sono esposte a nord-ovest.
I vigneti sono impiantanti su terreni collinari siliceo-calacarei e godono di un clima fresco e ventilato, oltre che di una buona insolazione, tali da consentire la maturazione lenta delle uve.

 


Contrada Vallone (Montegranaro, FM)
E' il primo vigneto dell'azienda, impiantato oltre 35 anni fa, e rappresenta il cuore delle tenute Rio Maggio, da un punto di vista affettivo, produttivo e anche logistico, poiché qui hanno sede gli uffici, le cantine e l'abitazione di Simone e Tiziana Santucci.
I vigneti sono costituiti da vitigni quali Trebbiano, Verdicchio, Passerina, Montepulciano e Sangiovese, uvaggi necessari alla vinificazione delle due DOC della provincia: Rosso Piceno e Falerio.
Questo vigneto si trova sul crinale di colline dalla conformazione dolce, ha una densità di 1800 piante per ettaro ed è caratterizzato da un terreno di medio impasto.
Qui si trova inoltre l'uliveto da cui viene ricavato l'Olio Extravergine di Oliva Ascolana del Fermano: un olio di qualità elevatissima, estremamente fine, estratto appunto dall'oliva ascolana tenera per ottenerne un prodotto di nicchia, ricercato e fortemente caratteristico, che poche aziende possono vantare.

Colle Monteverde (Montegiorgio, Località Monteverde, FM)
E' un nuovo vigneto, impiantato circa 3 anni fa, con una densità di 5600 piante per ettaro.
Qui si coltivano sia vitigni internazionali come Pinot Nero e Sauvignon, che vitigni autoctoni come Pecorino, Incrocio Bruni 54, Passerina, Montepulciano e Sangiovese.
Il vigneto è esposto a est-sud-est e si trova su un terreno composto da sabbioncino e ciottoli.

Contrada Sant'Anna (Montegranaro, FM)
Questi vigneti, impiantati nei primi anni '90 e con una densità di 2800 piante per ettaro, comprendono vitigni quali Pinot Nero, Chardonnay e Sauvignon.
I vigneti sono esposti a nord-ovest e si trovano su un terreno di medio impasto con vene di sabbioncino.
Le potature estremamente corte e una rigorosa selezione dei grappoli in vendemmia consentono la produzione di vini caratterizzati da elevati standard qualitativi.

 

riomaggio_location



"Certe volte ho la sensazione di vivere una favola, dove tutto si profuma magicamente di odori diversi che nascono dalla speciale unione che le mie viti creano con la terra e il cielo, con il grano e i girasoli che le circondano e con quel loro prefissato e inarrestabile ciclo vegetativo. Il profumo che ne deriva è una fragranza tenue e leggera, quasi impercettibile, che mi sforzo di riscoprire anche nel mio vino"

Simone Santucci
 
AddThis Social Bookmark Button